Privacy Policy
Crea sito
facebook
  • Solfeggio in rete

     
    'la musica è una malattia incurabile
    ma non troppo contagiosa'
    Libro degli ospiti
    Libro degli ospiti

    E' gradito un messaggio per testimoniare l'utilità (o meno) del nostro lavoro
    Pitagora di Samo   Armonia in rete
    Armonia in rete

    sito dedicato all'armonia e all'analisi

    INDICE LEZIONI

    teoria - lezione 2

    TEORIA - Scale e intervalli (1/3)

    Con i termine Tonalità si intende l'altezza della scala (e del brano musicale) e ha come riferimento la Tonica (primo grado) della scala stessa. Il termine Modo indica la successione dei toni e semitoni rispetto alla Tonica. Tralasciando per ora i Modi del sistema della classicità greca e del modalismo medioevale, concentriamo l'attenzione sui due modi 'moderni': Maggiore e Minore.
    Con l'adozione del sistema tonale (seconda metà del XVI sec.) le scale di modo Maggiore e di modo Minore assorbono di fatto i modi cosiddetti 'antichi' e ne riassumono i caratteri essenziali. Nello stesso processo vengono identificati gliintervalli, i quali rappresentano la descrizione di ogni singolo grado dei due modi.
    I termini che servono a indicare gli intervalli derivano proprio dalle due scale:
    Maggiore indica un grado della scala Maggiore
    Minore indica un grado della scala Minore
    Giusto indica un grado comune ai due modi
    EccedenteDiminuitoPiù che eccedente e Più che diminuito indicano i gradi cromatici.
    Sovrapponendo le scale nei due modi si nota che i gradi mobili sono: il 3° il 6° e il 7°
    Il 1° (8°), 4° e 5° grado sono i gradi Giusti.

    A questa regola fa eccezione il 2° grado che, pur essendo invariato nei due Modi, non si definisce Giusto, poiché il suo rivolto (7°) non è un grado comune ai due Modi.

    Rivolti degli intervalli

    Il rivolto di un intervallo si ottiene spostando all'ottava superiore in suono grave.
    L'intervallo fondamentale e quello rivoltato hanno rapporti costanti tra loro:
    La somma dei due numeri dà 9 (3°-6°, 5°-4°, ecc.) 
    La qualità del rivolto è reciproca rispetto all'intervallo fondamentale (Maggiore-Minore, Minore-Maggiore, Eccedente, Diminuito, Giusto-Giusto, ecc.)

    Esempi: DO - MI terza maggiore, MI - DO sesta minore
    SOL - DO quarta giusta, DO - SOL quinta giusta
    LA - RE# quarta eccedente, RE# - LA quinta diminuita

    _______________________________________________

    PROVE PRATICHE - Lezione 2

    2) Sequenze ritmiche

    3) Riconoscimento intervalli

    4) Dettato a due voci - Viene proposto in due versioni:

    a) voci simultanee

    b) voci sovrapposte (più facile)

    vedi tutti i dettati abbinati alle Lezioni (grafica e audio) ]

    5) Canto e trasporto (per il trasporto vedi la Lezione n. 19)

     

    lezione precedente lezione successiva
    INDICE LEZIONI