Privacy Policy
Crea sito
facebook
  • Solfeggio in rete

     
    'la musica è una malattia incurabile
    ma non troppo contagiosa'
    Libro degli ospiti
    Libro degli ospiti

    E' gradito un messaggio per testimoniare l'utilità (o meno) del nostro lavoro
    Pitagora di Samo   Armonia in rete
    Armonia in rete

    sito dedicato all'armonia e all'analisi

     

    indice lezioni

    teoria - lezione 16

    TEORIA - Funzioni dei gradi della scala

    Nel linguaggio tonale i gradi della scala non sono percepiti solo come 'altezze', ma anche come 'funzioni'.
    La diversa tensione (o rilassamento) che esprimono è dovuta alla funzione che svolgono nell'ambito della tonalità.
    Si è già accennato alla caratteristica peculiare del linguaggio tonale (vedi Lezione n. 8), quella cioè di realizzare un punto di mediazione tra consonanza e dissonanza; i gradi della scala hanno appunto le funzioni attrattive e repulsive tipiche della tonalità.

    Tali funzioni sono evidenti nei procedimenti accordali, è possibile tuttavia percepirne le caratteristiche anche nelle successioni melodiche. 

    Esempio 1: l'intonazione della scala maggiore ascendente presenta un'evidente carattere dissonante sul VII grado (Sensibile). Il carattere dissonante della Sensibile è dovuto al fatto che essa è preceduta dal Tritono (che si trova tra il IV e il VII grado della scala), il movimento sulla Tonica risolve la tensione.

    Esempio 2: l'intonazione della scala maggiore in moto discendente presenta il tritono tra il VII e il IV grado, in questo caso la necessità della risoluzione sul III grado è meno evidente, pur essendo necessaria per la corretta risoluzione del tritono stesso.

    Denominazione e funzioni generali:

    1° grado TONICA - punto di riferimento principale del tono

     
    I grado
    2° grado SOPRA-TONICA - non ha un carattere peculiare, può sostituire la sottodominante

     
    II grado
    3° grado MEDIANTE, CARATTERISTICA o MODALE - determina il MODO della scala

     
    III grado
    4° grado SOTTODOMINANTE, CONTROSENSIBILE o DOMINANTE INFERIORE - insieme alla sensibile forma l'intervallo di quarta eccedente (o tritono)

     
    IV grado
    5° grado DOMINANTE - secondo punto di riferimento della scala dopo la Tonica

     
    V grado
    6° grado SOPRA-DOMINANTE - non ha un carattere peculiare, può, come il secondo grado, sostituire la sottodominante

     
    VI grado
    7° grado SENSIBILE - ha la tendeza a risolvere sulla Tonica, soprattutto se è in relazione con il quarto grado

     

    VII grado

    _______________________________________________

    PROVE PRATICHE - Lezione 16

    2) Lettura ritmica

    3) Riconoscimento gradi della scala (vedi anche la pagina 'Ear Training')

    4) Dettato a due voci - viene proposto in due versioni:

    a) voci simultanee

    b) voci sovrapposte (più facile)

    5) Canto e trasporto (per il trasporto vedi la Lezione n. 19)

     

    lezione precedente lezione successiva
    INDICE LEZIONI